Antica Farmacia

Antica FarmaciaL’ANTICA FARMACIA DI SAN FILIPPO NERI

La Farmacia di San Filippo Neri fu costruita ed allestita così come la si vede ancora oggi nell'anno 1789. Si trova all'interno di Palazzo San Tiburzio, che dal 1588 è sede della Congregazione di Carità, un'organizzazione autonoma composta per metà da laici e per metà da presbiteri, nata per dare aiuto a persone bisognose di Parma, diventata ente pubblico all'inizio del secolo scorso e che ha poi cambiato nome prima in Iraia e quindi in Asp Ad Personam. La storica Farmacia di Palazzo San Tiburzio funzionò come laboratorio galenico per 177 anni, fino al 1966, quando venne spostata in via Cavour e più tardi privatizzata. Nel tempo, nei suoi ricettari sono stati registrati centinaia di «Remedi semplici, e composti», per lo più basati su ingredienti naturali, eredità del sapere medioevale, connubio di superstizione e di conoscenza fine delle proprietà di ogni elemento. Sabato 27 ottobre 2018 è stato inaugurato il restauro del vestibolo della Farmacia, l'ambiente più significativo di Palazzo San Tiburzio, attuale sede dell'Azienda di servizi alla persona Ad Personam del Comune di Parma. La sistemazione degli spazi permetterà l'avvio di un nuova stagione di utilizzo della Farmacia e del vicino Oratorio di San Tiburzio, all'interno di un progetto che vede protagoniste le associazioni culturali Parma 360 e Positive River Festival. Ad Personam ha deciso di investire nel restauro di questo ambiente per garantire la trasmissione nel tempo di un luogo unico per ciò che rappresenta. L'Antica Farmacia infatti rappresenta una cultura, un modo di pensare, una sensibilità: cultura non è solo arte, non è solo musica, non è solo gusto. La cultura che Palazzo San Tiburzio esprime è una “cultura della cura”, la cultura della sollecitudine verso le persone che abbiamo intorno, ingrediente indispensabile per dar vita ad una comunità, ad un ambiente di relazioni durature. Un tipo di cultura che da sempre appartiene all'identità di Parma. L'intervento di restauro ha riguardato il vestibolo della farmacia, dipinto dal parmigiano Giacomo Giacopelli nel 1858, ed è stato diretto dalla Soprintendenza Archeologica, Belle arti e Paesaggio e realizzato fra la primavera e l'estate dalla ditta Esedra di Parma e dall’impresa Iton di Cavriago. L'intervento ha avuto un costo complessivo di 34.500 euro. Per mantenere gli spazi di Farmacia e San Tiburzio e proseguirne i restauri è stata avviata una raccolta fondi su Art Bonus, il portale del ministero dei Beni culturali che raccoglie erogazioni liberali recuperabili fiscalmente al 65%. Sul sito di Art Bonus sono descritti due progetti che riguardano queste sedi, sperando nell'interesse e nel sostegno dei cittadini e delle imprese di Parma.

Per maggiori informazioni e per erogazioni liberali:

ANTICA FARMACIA DI S.FILIPPO NERI

https://artbonus.gov.it/1549-palazzo-san-tiburzio.html

ORATORIO DI SAN TIBURZIO

https://artbonus.gov.it/1549-oratorio-di-san-tiburzio.html

ART BONUS: Contribuisci a tutelare il patrimonio culturale ed a rendere l’Italia più bella

DIVENTA ANCHE TU UN MECENATE!

Il progetto di recupero del palazzo San Tiburzio e dell’Oratorio San Tiburzio è inserito nel portale Art Bonus Art Bonus consente un credito di imposta, pari al 65% dell’importo donato, a chi effettua erogazioni liberali a sostegno del patrimonio culturale pubblico italiano: a fronte ad esempio di 100 euro di donazione si otterrà un credito di imposta (ovvero un importo da utilizzare come "buono sconto" sulle proprie tasse) di 65 euro.

Il credito di imposta spetta per le erogazioni liberali effettuate esclusivamente in denaro, attraverso uno dei seguenti sistemi di pagamento:

  • Bonifico bancario su IBAN IT19N0103012703000001857752 indicando: 
  • BENEFICIARIO: AD PERSONAM - AZIENDA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI PARMA
  • CAUSALE Art Bonus - AD PERSONAM - AZIENDA DEI SERVIZI ALLA PERSONA DEL COMUNE DI PARMA 
  • Palazzo san Tiburzio oppure Oratorio San Tiburzio a seconda dell’intervento che si vuole sostenere 
  • Codice fiscale o P. Iva del mecenate 
  • carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari; in questi casi, all’atto della ricezione, il personale di ASP rilascerà una ricevuta contenente tutte le informazioni sopra indicate.